gtag('config', 'UA-178401219-1');

FLUORITE


 

Barry Leiba - informatico "We like to consider two sides to every story. Unfortunately, there aren't always two sides. Sometimes there's only one; more often, there are multitudes. Many facets on the stone. Things are usually not either black or white, but multicolored."

Come di consueto, questa è  “La Pietra del Mese”, io sono Lucia ed oggi riveleremo la Gemma perfetta per il Segno dell’Acquario.

La natura si risveglia, e con essa la nostra curiosità. Scopriamo insieme tutti i segreti del “Minerale più colorato al mondo”: la Fluorite!

Allora allacciate le cinture e Benvenuti! 

Come nasce una fluorite?

La Fluorite è un minerale composto da Calcio e Fluoro (esattamente CaF2, Fluoruro di Calcio) ed è tra i più rilevanti Alogeni naturali (elementi chimici costituiti da Fluoro, Cloro, Bromo, Iodio o Astato). È la nostra principale fonte di Fluoro (F) e fa parte dei Fluorurati.

Si presenta sotto forma di cristalli ed è così caratteristica la sua disposizione che è precisamente detta “struttura della Fluorite”. Il suo sistema è cubico perché il Fluoruro di Calcio in natura si sviluppa in combinazioni di dadi di 6, 8 o 12 facce (cubi, ottaedri e dodecaedri). Quando concatenati tra loro, danno origine a complesse ed interessanti formazioni geometriche, anche dette “gemelli di Fluorite”. Questa è la massima simmetria che si possa riscontrare in un cristallo naturale! 

Sebbene acclamata per la sua vasta gamma di colori che spazia attraverso tutto lo spettro dell’Arcobaleno, la Fluorite quando è pura è completamente trasparente ad ogni tipo di luce. Le sue nuance e luminescenze straordinarie derivano proprio dalle impurità presenti nella roccia – spesso inclusioni di Ittrio, Cerio, Ferro, Sodio o Bario.
Possiamo perciò dire che non tutta la Fluorite è colorata, né fluorescente, né termoluminescente: ma può esserlo!

dove trovare una fluorite?

Grazie alla sua capacità di formarsi e adattarsi in molteplici ambienti, la Fluorite è un minerale decisamente diffuso. Le riserve a livello globale superano i 230 milioni di tonnellate!

La sua estrazione avviene principalmente in Cina, leader mondiale nel settore, seguita da Messico, Mongolia, Russia, Sud Africa, Spagna e Namibia. Anche l’Italia vanta giacimenti di questo minerale, in particolare nelle zone della Valsugana, della Val Sarentina, della Val Trompia e in Sardegna. Il più grande cubo di Fluorite mai ritrovato fu di 2,12m3 e dal peso di 16 tonnellate!

Il luogo di estrazione è cruciale per determinare le caratteristiche della Fluorite. I fattori geografici influenzano, infatti, la formazione interna (abito cristallino) del minerale, determinando i suoi tanti colori e fenomeni ottici. Tra le proprietà distintive della Fluorite troviamo la fluorescenza sotto luce ultravioletta, la termoluminescenza quando riscaldata e, in alcuni casi, anche la fosforescenza, che aumentano notevolmente la bellezza ed il valore del campione estratto.

Una menzione speciale infatti va:
• alla “Derbyshire Blue John“: una Fluorite straordinaria estratta esclusivamente da due miniere situate nella zona di Castleton, in Inghilterra. La sua particolarità risiede nella combinazione unica di bande di colore blu e viola intenso, alternate da venature gialle. Le inclusioni di manganese e uranio assorbono la luce in modo selettivo, creando questo effetto cromatico magico!
• al “Clorofano“, una rara varietà di Fluorite che emette luce visibile per un periodo prolungato dopo essere stata strofinata, riscaldata o esposta a luce ultravioletta. La sua luminescenza persistente è attribuita alla presenza di impurità di metalli alcalini come il sodio e il potassio, che agiscono come centri luminescenti, assorbendo e rilasciandola l’energia lentamente.

Per tutelare la propria collezione e garantirsi l’autenticità di una Fluorite, è sempre consigliabile acquistare da un rivenditore di Minerali e Gemme affidabile, con una comprovata esperienza. I colori vivaci e le fluorescenze sono proprietà mozzafiato di questo minerale, ma possono variare notevolmente. Per non incappare in falsi, è essenziale considerare caratteristiche più concrete, come la durezza media (4 sulla scala Mohs), il peso specifico elevato (3,2 g/cm³) e la perfetta sfaldatura geometrica.

fluorite: leggenda o realtÀ?

La Fluorite è un minerale davvero speciale che vanta un legame unico con il suo elemento chimico principale. Infatti, è stata proprio la Fluorite, nel 1812, a dare il nome al Fluoro (e non viceversa!) e così anche al fenomeno di assorbimento delle radiazioni ultraviolette e la ri-emissione nel campo visibile, la Fluorescenza!

L’origine del nome “Fluorite” è incerta e si ipotizzano diverse etimologie:

• Dal latino “fluere” che significa“scorrere”. La Fluorite viene spesso usata come “flusso” nella fusione dei minerali per eliminare le impurità durante la raffinazione dei metalli. Le sue proprietà fondenti (che abbassano il punto di fusione e rendono i materiali più fluidi) la rendono preziosa nella produzione dell’Acciaio, dell’Alluminio e del Piombo;

• Dall’Inglese “flower” che significa “fiore”. I minatori Inglesi, affascinati dalla bellezza della Fluorite, la soprannominarono “fiore di Minerale” e spesso la portavano in dono alle loro amanti, come prova del loro forte sentimento.

Nel corso della storia, la Fluorite ha subito diverse classificazioni: inizialmente visto come luce cristallizzataperla sua luminescenza, interpretata come una forma di luce imprigionata all’interno della roccia. Poi definita come “spato“, cioè un termine generico per i minerali facilmente sfaldabili. Attualmente questo Minerale prende il nome di “spatofluorenell’ambito chimico-industriale e difluorinaofluorite nel campo mineralogico ed orafo.

Già nell’antichità, questo pietra era conosciuta e apprezzata. Anche i termini “murrina” e “myrrhina“, oggi utilizzati per indicare oggetti in vetro variegato, si riferivano in realtà proprio alla Fluorite, impiegata già dagli antichi Egizi, ai Romani e alle popolazione pre-colombiane per realizzare gioielli, monili, vasi e sculture.

fluorite: crystal teraphy

La Fluorite, conosciuta come “Pietra del Genio, è uno dei minerali olistici più potenti al mondo.

Questo cristallo è noto per le sue proprietà spirituali che elevano la Concentrazione e migliorano la Libertà di Pensiero, offrendo un nuovo approccio e una comunicazione più efficace nei nostri progetti. È, infatti, ideale per gli studenti e per chi desidera sviluppare il proprio Potenziale.

Ogni colore della Fluorite vibra su una specifica frequenza energetica e si associa a una tappa del nostro percorso di Crescita Personale:
•  Blu
: Verità interiore e Comunicazione sincera
•  Viola
: Trasformazione spirituale e Intuizione profonda
•  Giallo
: Creatività e Apertura mentale
•  Verde
: Armonia e Connessione con la natura
•  Trasparente
: Purificazione energetica e Chiarezza mentale

Portatrice di ordine, la Fluorite ristabilisce le nostre Priorità. Associato al Quarzo Rosa, al Quarzo Ialino e all’Incenso rendono la nostra Meditazione e Contemplazione ancora più intensa ed introspettiva, specialmente per i nati sotto il Segno dell’Acquario.

fluorite: THE SHAPE OF YOU

La Fluorite è ampiamente utilizzata nei settori ornamentali, artigianali ed orafi. In Gioielleria, grazie alla sua vasta gamma di vivaci tonalità naturali (dal violetto, al blu, al giallo, al verde, al rosa, al rosso, e talvolta anche al bianco, marrone e grigio) è una scelta molto versatile. La Fluorite diventa così la perfetta alternativa naturale alle più blasonate pietre preziose – che, al contrario, si identificano per un unico colore!

La Fluorite, infatti, si distingue per la sua capacità di presentare più tonalità in una sola pietra, fenomeno noto come zonazione. La diversità cromatica di questa pietra permette di realizzare intagli molto suggestivi sfruttando le bande colorate, gli strati e la forma geometrica naturale di un unico campione, senza l’aggiunta di materiali extra. Tuttavia, essendo un minerale relativamente morbido, la Fluorite tende a fendersi facilmente, rendendo la sua lavorazione adatta solo agli esperti del settore. Ancor più per questa caratteristica fragilità, la Fluorite si afferma come un elemento di pregio molto ricercato da Collezionisti e Appassionati, figurando spesso in raccolte minerarie, mostre di Gemmologia e musei naturali.

Quando è particolarmente limpida, la Fluorite viene utilizzata anche in ottica per la creazione di lenti trasparenti per microscopi e telescopi. Questo perché è in grado di mostrare le immagini in modo estremamente fedele, senza alcuna deformazione cromatica o rifrazione, rendendola preziosa per la Ricerca Scientifica.

Della Fluorite non si butta via niente!
Le varietà meno pregiate trovano applicazione nel campo industriale, dove vengono utilizzate come materia prima per la produzione dell’acido fluoridrico. Da questo acido si estrae l’elemento più elettronegativo della tavola periodica, il Fluoro.

Il Fluoro, gioia e dolore della nostra epoca, ha aperto la strada alla produzione di Energia e allo sviluppo di armamenti nucleari. Tutt’oggi è usato nelle centrali nucleare, come combustile e per il raffreddamento e la protezione dei reattori.
Ma è utilizzato anche in elettronica, componente chiave nella produzione di schermi piatti, contribuendo a migliorare la qualità delle immagini nei dispositivi elettronici come televisori e monitor.
E così anche nella fabbricazione di molte resine di rivestimento (come ad esempio il Teflon) per la sua resistenza alle alte temperature e alle sostanze chimiche.
E perfino per combattere la carie, nella produzione di collutori e dentifrici al Fluoro. Trasforma la superficie porosa dei denti in fluorapatite, rendendoli più resistenti agli attacchi acidi e migliorando la nostra salute orale.

Il Fluoro, con le sue numerose applicazioni, rappresenta un elemento di grande importanza nella nostra epoca, che continua a influenzare molti aspetti della nostra vita.

per preservare una fluorite

La Fluorite è tanto bella quanto delicata e richiede particolare attenzione per preservare la propria integrità. È importante maneggiarla con accortezza per evitare danni, perché è estremamente sensibile agli urti, alle cadute, ai graffi e alle abrasioni. Proprio per questa fragilità, spesso si ricorre alla creazione di campioni sintetici in laboratorio o all’applicazione di rivestimenti protettivi su esemplari naturali per migliorarne la stabilità e la resistenza. Tuttavia, queste pratiche rischiano di allontanarci dalla vera essenza del minerale, privandoci del contatto con la sua Energia autentica e primordiale.

Apprezzare la Fluorite significa anche comprendere ed accettare la sua natura effimera, lasciandoci insegnare il valore dell’attenzione e della cura. A non dare mai nulla per scontato.

🌎